Voglio condividere con te come superare i 2 ostacoli del senso di colpa post mangiata e un'esercizio che puoi far subito per sbloccare questo limite emotivo. 

Ma, prima di farlo, devo divagare un momento e chiederti se hai mai avuto una relazione con una persona che si impegna a fare qualcosa e poi non la porta a termine. Se ti è capitato, allora sai che il tuo rapporto con quella persona si indebolisce perché ogni violazione dell'impegno, indica che non ti puoi fidare di lei. 

Siamo propensi a chiederci di trascurare le cose "piccole" e di non essere "troppo sensibili" o "bisognosi" o "esigenti". Ci sforziamo di staccarci dal nostro sé autentico e dai suoi sentimenti appropriati. Ci allineiamo di più con la persona inaffidabile che con noi stessi.

Quale messaggio pensi che questo ci mandi sulla nostra percezione del nostro valore e della validità dei nostri sentimenti? Rafforza semplicemente quella vecchia storia su di te che non sei abbastanza brava per meritarti l' onestà e l'integrità nelle tue relazioni a tutti i livelli. Ti prepara ad aspettarti che le relazioni manchino sempre di qualcosa e a costringerti ad accettare meno di quanto meriti e di cui hai bisogno in termini di affidabilità.

Voglio renderti consapevole della sensazione che provi quando qualcuno rompe un impegno, indipendentemente da quanto sia piccolo o grande perché è la stessa sensazione che provi ogni volta che dici a te stessa che mangerai una certa cosa o non mangerai una certa cosa, o che mangerai solo una certa quantità o solo in un certo momento e non rispetti l'impegno. Stai violando la fiducia in te stessa, minando la tua autostima e il senso di sicurezza in te.

Rompi il patto e poi massacri e rimproveri te stessa per ore, forse anche giorni, finché non credi di aver smaltito quelle calorie in eccesso. Simile a quello che potresti fare quando qualcuno tradisce la tua fiducia. Non sto dicendo che va bene rimproverare qualcuno per non aver onorato la fiducia - né va bene che qualcuno ti rimproveri per lo stesso motivo - ci sono molti modi efficaci di miglioramento delle relazioni per superare le violazioni della fiducia e per avviare un sano processo atto a restaurarla.

Ma, poiché a molti di noi non sono stati mostrati questi modi di comunicare che migliorano la vita, ci ritroviamo con i vecchi loop viziosi di rabbia, senso di colpa e chiusura. O ci arrabbiamo con l'altro apertamente o passivamente; o ci sentiamo in colpa; oppure ci ritiriamo emotivamente per sottolineare che siamo feriti e ci sentiamo insicuri. 

Ovviamente, nessuno dei due è veramente efficace nel risolvere il problema di fondo della fiducia con qualcun altro o con noi stessi.

Per riportare l'attenzione sul cibo: se hai intenzione di impegnarti nel migliorare ciò che stai mangiando, quando, quanto e dove, assicurati che sia un impegno che puoi mantenere. Assicurati che non derivi dalla mentalità dietomane, del tutto o niente, e della perdita di peso a tutti i costi. 

L'attenzione non deve essere su quanto pesi, ma sulle motivazioni per cui sei arrivata ad essere in sovrappeso. Decidi quali aree della tua vita vuoi migliorare ed equilibrare per il rispetto di te stessa. Quelle attività che intendi svolgere nella quotidianità per occuparti della causa alla base delle tue attuali preoccupazioni sul peso e su come ti vedi allo specchio.

Con questo atteggiamento vedrai che il peso si prenderà cura di se stesso, ritorna allo stato naturale. Al contrario, con la mentalità dietomane il tuo corpo non riesce a trovare il proprio ritmo naturale perché non fidandoti abbastanza di se stessa ti precludi d'ascoltare i segnali di fame e sazietà senza mai sapere di cosa ha bisogno. 

Dico davvero, chiediti: 

e se non avessi bisogno di una "dieta" ma solo di ascoltare e rispondere a sensazioni di fame e pienezza, altrimenti note come alimentazione naturale?.

Torniamo al senso di colpa...

Se ti senti in colpa per quello che hai mangiato o per quello che mangeresti è solo perché ti percepisci come la causa della rottura di un impegno verso te stessa e hai solo diminuito la fiducia in te stessa. La soluzione è semplice ed è esattamente la stessa che idealmente faresti se qualcuno nella tua vita dimostrasse mancanza di rispetto e affidabilità.

- Prima di tutto, prendi solo impegni che sei certa di poter mantenere. In altre parole, se ogni lunedì da un anno prometti a te stessa che "questa settimana sarà diversa" e ancora rimangono solo buoni propositi, potresti prendere un impegno questo lunedì per scoprire cosa ti impedisce di seguire, piuttosto che impegnarti ancora una volta in un modello di comportamento che ha dimostrato essere troppo impegnativo in questo momento. 

- Gestisciti nel tempo dando la priorità a quelle azioni in grado di darti la massima probabilità e facilità di andare avanti. Ad esempio, se vuoi fare un pranzo salutare al lavoro, devi decidere se andare a letto quei dieci minuti prima in modo d' alzarti e preparare qualcosa per il pranzo.

- Se ti accorgi di non seguire un giorno, fermati e chiediti quale esperienza o pensiero ti ha portato a mettere da parte il tuo impegno.

4°- Ricorda a te stessa il costo di questi impegni traditi: ti tengono bloccata in una bassa autostima e ti fanno vivere diffidando di te stessa in tutte le aree, non solo in quella in cui ti sei compromessa con il cibo.

5°- Una volta che sai cosa ha minato il tuo proposito chiediti: "È appropriato che me lo aspetti da me stessa in questo momento dato che sto attraversando un momento difficile? Potrei aver bisogno di allentare un pò le mie aspettative in modo da poter iniziare a vedere un risultato coerente e costruire la fiducia in me stessa? 

6°- Assumere un nuovo impegno che sia veramente realistico; cioè, invece di "ogni giorno per il mese successivo lo farò ..." che ne dici di "due volte questa settimana lo farò ..." Poi alla fine di quella settimana, quando vedrai che c'è l'hai fatta, sarai anche in grado di determinare  quanto tempo ha richiesto quell'impegno e se hai davvero tempo per farlo un terzo giorno la prossima settimana o forse devi mantenerlo solo due volte per ora.

Ti sentirai molto meglio assumendo impegni che puoi mantenere piuttosto che impegni che vorresti mantenere ma non puoi in questo momento. Prenditi il tempo  per scoprire cosa veramente, in modo ragionevole e realistico, puoi aspettarti da te. Consenti a te stessa di adottare un approccio a lungo termine per risolvere questo problema, qualunque esso sia, e ricordati che finché vedi un graduale progresso, stai molto meglio dell'approccio tutto o niente.

Se desideri saperne di più su come vincere il senso di colpa post mangiata, puoi ascoltare quest'esclusiva intervista che ho fatto a Marida De Vita coach internazionale e naturopata.

Ascoltandola scoprirai:

Come superare i  2 ostacoli che ti tengono prigioniera del senso di colpa;
Le  5 fonti alternative che nutrono quanto il cibo;
Il segreto controintuitivo per individuare il singolo motivo per cui mangi emotiva;
L'esercizio respiratorio per scoprire i tuoi blocchi emotivi (collegato alle tue vertebre);
Le 2 parti dentro di te che entrando in conflitto causano la fame emotiva;
L'esercizio dei colori per colmare il vuoto che ti fa mangiare come un pozzo senza fine;
L'unica azione da fare ora per liberarsi dall'abitudine d'essere frettolosi e superficiali (esserlo significa lasciar decidere al caso cosa mangiare);
Le 4 domande per regolare l'assunzione dei dolci (non ne sentirai la mancanza e non avrai il senso di colpa per mangiarli).

Inoltre... 

speciale invito per guidarti a compiere il primo passo necessario a superare i 3 sabotatori dell'auto-ingrassamento.

Zona di confort;
Paura;
Disordine Emotivo.

Ti consiglio carta, penna, un ''rifugio'' silenzioso...

TOGLI OGNI INUTILE DISTRAZIONE, ACCENDI LE CASSE, CLICCA QUI SOTTO, ASCOLTA ATTENTAMENTE E LASCIA IL TUO COMMENTO

per salvarlo sul tuo dispositivo e ascoltarlo off-line clicca col tasto destro ''salva audio con nome''

Scopri quanto soffri di fame emotiva 

Fai il Test, scopri quanto soffri di fame emotiva, e accedi GRATIS ad un percorso di 10 giorni per eliminarla per sempre

Compilando e inviando il "Test Gratuito" accetti la nostra Privacy Policy. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento facendo clic sul link di annullamento dell'iscrizione in fondo a una qualsiasi delle nostre e-mail.

Close

Il test per scoprire la tua fame Emotiva

Fai il Test, scopri quanto soffri di fame emotiva, e accedi GRATIS ad un percorso di 10 giorni per eliminarla per sempre

Caricamento

Compilando e inviando il "Test Gratuito" accetti la nostra Privacy Policy. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento facendo clic sul link di annullamento dell'iscrizione in fondo a una qualsiasi delle nostre e-mail.

Close

Lascia un commento

La tua email non sarà mostrata.

4 × uno =